Giardini e terrazzi domestici potranno usufruire del bonus verde fino a dicembre 2019. Il bonus non sarà valido però per lavori di manutenzione ordinaria e in economia.

La proroga è stata stabilita nella manovra di Bilancio 2019. Si tratta di una detrazione Irpef del 36% sulle spese documentate per la sistemazione di giardini, terrazzi, coperture, fino ad un massimo di di 5.000 euro per unità immobiliare. La detrazione massima è di 1.800 euro da ripartire in sede di dichiarazione dei redditi in 10 quote annuali.

L’elenco dettagliato degli interventi agevolabili non è ancora disponibile ma le categorie sono quelle rientranti nella:

  • sistemazione di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione di pozzi;
  • realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili;
  • spese per la progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.
Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

 

Non sono soggette a detrazione le spese di manutenzione ordinaria a meno che non si tratti di operazioni finalizzate ad uno degli interventi idonei ad usufruire del bonus, come la sistemazione a verde o la realizzazione di coperture verdi e giardini pensili

Sono invece esclusi dalle agevolazioni i lavori in economia sul proprio giardino o terrazzo fatti direttamente dal contribuente. Agevolabili invece gli interventi realizzati sulle parti comuni esterne dei condomini con detrazione spettante al singolo condominio e sempre nel limite massimo di 5.000 euro per unità immobiliare. Nel caso di interventi sia su parti comuni che su parti private, il bonus spetta sia per gli uni che per gli altri fino, sempre fino a 5.000 euro.

Inutile sottolineare che, per usufruire delle detrazioni, i pagamenti dovranno essere eseguiti con strumenti tracciabili e quindi assegno, bancomat, carte di credito, bonifici ordinari. Non si applicherà invece ai prestatori la ritenuta dell’8%.

Beneficiario della detrazione è chi possiede o detiene, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile oggetto degli interventi e che ha sostenuto le relative spese.